Vicina più di prima.

Rigenerazione Urbana

Spazio pubblico, accessibilità , capillarità, intermodalità, sostenibilità, inclusività

Costruiamo una Milano che sia davvero policentrica, dove ogni quartiere sia un cuore pulsante della città, capace di offrire servizi, attività e occasioni di socialità a tutte e tutti i cittadini a 15 minuti.
Le nostre idee

Rigenerazione urbana

Il disegno della città a 15 minuti si prefigge azioni di rigenerazione urbana incentrate su socialità, miglioramento dei servizi, aumento del verde e sviluppo sostenibile diffusi su ogni quartiere di Milano. A questo si associano i grandi progetti urbanistici avviati in questi anni di mandato, che coinvolgeranno tutta l’area metropolitana, anche grazie al potenziamento e al miglioramento delle infrastrutture di collegamento.

Da un lato il Piano Quartieri, dall’altro  il PGT “Milano 2030” che introduce misure volte a favorire gli investimenti privati e si prefigge la riqualificazione di 7 Piazze strategiche e 13 Nodi di interscambio per ricucire i quartieri e il Comune con la Città metropolitana, in continuità con il piano di riqualificazione in atto di 80 piazze milanesi.

La rigenerazione degli ex Scali Ferroviari è sicuramente una delle più importanti trasformazioni urbane dei prossimi anni, ma a questa si affiancano altri grandi progetti, come Reinventing Cities – il bando internazionale indetto dal Comune insieme a C40 che prevede l’alienazione e costituzione del diritto di superficie di siti da destinare a progetti di rigenerazione ambientale e urbana – che in sette aree strategiche, da Piazzale Loreto a Lambrate, ridisegnano buona parte dello sviluppo urbanistico di Milano dei prossimi anni, che sarà necessariamente all’insegna della sostenibilità e dell’equità sociale.

Le azioni di rigenerazione non devono mai perdere di vista l’ordinario, l’attenzione all’accessibilità e alla qualità degli edifici e degli spazi pubblici: piazze, parchi, viali alberati, verde di prossimità, attrezzature per lo sport, arredo urbano devono essere sempre più accessibili, le barriere architettoniche abbattute, e gli spazi progettati a misura di ogni persona a partire dai bambini.

Le nostre proposte
  • Agenzia metropolitana dell’abitare come strumento per un ragionamento sul mix abitativo che tenga conto delle esigenze dei cittadini e dei flussi di mobilità a livello metropolitano 
  • Vincoli per utilizzo materiali sostenibili
  • Proseguire con gli interventi di urbanistica tattica (da portare in sempre più quartieri), come strumento flessibile e partecipativo per restituire vie e piazze ai cittadini 
  • Introdurre la figura del Progettista di Quartiere, che possa tenere conto in modo esaustivo delle esigenze territoriali e migliorare i processi di progettazione locale dell’amministrazione.
  • La Logistica dell’ultimo miglio può essere una opportunità di sviluppo ma occorre prestare attenzione al fenomeno deli “dark store” (magazzini dedicati unicamente a servire clienti online) che di solito vengono posizionati in aree dismesse e creano desertificazione commerciale

Passa agli altri tavoli

TAVOLO 2

Tempi e orari

Della città, servizi decentrati, innovazione della pubblica amministrazione

TAVOLO 3

Città viva e attrattiva

Nuovi spazi e offerta culturale di prossimità

TAVOLO 4

Salute e territorio

Medicina di prossimità